Noveottavi Alberto Granucci

Unire lavoro e passione è possibile?

Sì, apparentemente forse faccio troppe cose. Quando qualcuno apre il mio sito chissà che pensa. Magari potete dirmelo voi.

Solo che mi piace fare tutto e non mi va di restare con le mani in mano.

Alcune cose, sempre sul sito (questo), non le ho nemmeno scritte perché mi sembrava di esagerare. Perché, ad esempio, insegno anche pianoforte (ecco il mio profilo insegnante), organizzo eventi anche per delle associazioni culturali e di volontariato, faccio radio su un piccola webradio (CliccaLivorno) locale.. Insomma, non ho un minuto libero. Da quando mi sveglio fino a che non dormo, praticamente sono sempre a lavoro.

Ma non è del tutto sbagliato e spiacevole. Anzi.

noveottavi nota Alberto Granucci

Tutto è cambiato, per me, quando ho visto questo video su Ted di Emilie Wapnick:

Emilie Wapnick è una coach quindi quello che dice lo dice da coach. Ma il punto è un altro.

Mi ci sono rivisto moltissimo ed ho cominciato a pensare di poter unire il mio lavoro e la mia passione.

A quel punto, Noveottavi è diventato un progetto realizzabile ed insieme al mio amico e socio Alessio Quercioli l’ho realizzato.

Noveottavi, rispetto alle altre attività che svolgo giornalmente, mi dà la possibilità di lavorare nel mio mondo, quello della musica. Non è facile da spiegare, ma quando hai studiato tanto ed hai anche raggiunto qualche piccolo successo (in entrambi i campi), è un risultato incredibile. Ti senti come se tu avessi il pieno controllo. Non so a quanti succeda, nell’ambito lavorativo, ma spero a tutti (prima o poi).

Anche fare una delle due cose al top, credo che non mi darebbe la stessa soddisfazione.

Nella musica, da musicista, mi sono divertito tanto e spero di continuare a divertirmi tanto. Poi sono passato dall’altra parte, da quella di chi la musica la studia diversamente, la produce, la pubblicizza. È un mondo un po’ strano, ma fino ad ora non ci ho trovato niente di spiacevole!

noveottavi is listening to you Alberto Granucci

L’unica cosa spiacevole è che Noveottavi non può produrre tutti quelli che si meriterebbero una produzione seria. Questo è un vero peccato.

Vi consiglio di vedere quel video, perché magari tu che stai leggendo potresti ottenere qualcosa del genere.

Nonostante questo: no, non mi darò al coaching.

Però vi invito a seguirmi anche sulla mia pagina Facebook.